Recensione “Su ali d’aquila”

Ali

“Su ali d’aquila” è un libro che appena lo finisci di leggere ti entra dentro e ti infonde una voglia matta di riprendere le sue pagine dal principio, perché di storie belle come questa non ci si stanca mai.
Leggere “Su ali d’aquila” è stato un autentico viaggio, un’avventura sconvolgente e a tratti dolorosa, ma quando una scrittrice del calibro di Flavia Basile Giacomini ci dona una testimonianza così cruda e reale della vita, diventa quasi doveroso addentrarsi nei meandri della sua storia.
Vediamo la storia attraverso gli occhi della giovane Rebecca, una ragazza che ci trascina in un racconto ricco e affascinante, mostrandoci le fasi del suo amore per il bellissimo, quanto affascinante, Gregory Elliot. Divorando le righe, possiamo immedesimarci nelle prime fasi del loro innamoramento, nei batticuore di Rebecca e nel timore di non essere abbastanza, soprattutto quando c’è di mezzo una consistente differenza d’età. Ma si sa che questo particolare non è mai stato un ostacolo, e così Rebecca e Gregory ci regalano emozioni intense e gioie inaspettate. Ho riso con loro, mi sono emozionata leggendo degli spezzoni – in particolare quelli che facevano emergere la tenerezza dell’uomo ed il suo amore incondizionato nei confronti di Reb e della loro famiglia-, mi sono sentita catapultata al fianco della protagonista in molteplici situazioni e più volte il mio cuore si è contratto in dolorosi spasmi quando tutto l’idillio viene intaccato. Un “sistema solare perfetto” minacciato da un temibile buco nero che tutto vuole distruggere e cancellare, come se gli spensierati anni di Gregory e Rebecca non fossero mai esistiti.
E da qui parte un calvario di sofferenze e privazioni, un lungo viaggio nel quale Reb deve sfidare prima di tutto se stessa ed il suo mal de vivre, messo a tacere dall’amore di un uomo che stenta ora a riconoscere, e riemerso in tutta la sua violenza autodistruttiva. Un tema quello dell’autolesionismo trattato con profondità e amarezza, che si unisce a tutta la sofferenza che circonda il corpo centrale del romanzo, lo scheletro attorno al quale ruota l’intera vicenda assieme alla possibilità di redenzione attraverso la fede, unica ancora di salvezza in un mare tempestoso predominato dal male e dall’oscurità.
“Su ali d’aquila” è forza, speranza, redenzione e l’autrice ci trasmette un importante messaggio tra le righe: il perdono è il dono più grande che possiamo fare agli altri e a noi stessi. E l’amore, quello vero, vince anche il più oscuro dei mali.

Per ulteriori informazioni vi rimando al blog dell’autrice, LiberaMenteFlavia, e alla pagina Facebook Matt Bomer as Gregory Elliot.

 

Emi

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Recensione “Su ali d’aquila”

  1. flaviabg2013 ha detto:

    L’ha ribloggato su LiberaMenteFlaviae ha commentato:
    Una bella recensione per “Su ali d’aquila”. Grazie di cuore, ne sono veramente onorata.

  2. vemilia2013 ha detto:

    Per me è stato un grandissimo piacere leggere il libro e poterne fare la recensione ♡

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...